Infrastrutture e Green a prova di bomba

Infrastrutture e Green a prova di bomba

Sono i temi che, secondo il comitato di gestione di Pharus, domineranno la scena dei mercati finanziari nei prossimi anni. Ampio spazio anche alla tecnologia e al biotech

 

Infrastrutture prima di tutto, dall’America all’Europa. Ma anche tecnologia in generale e più nello specifico il biotech. Con un occhio alla sostenibilità. Sono i temi che, in un clima orientato al risk on, stanno tenendo banco sui mercati e che quasi sicuramente domineranno la scena anche nei prossimi anni. È quanto emerso dall’ultimo comitato di gestione di Pharus, che vede nell’azione delle banche centrali un prezioso alleato di questi trend e dell’equity in generale. Quello della green economy e delle infrastrutture, in particolare, sembra essere un tema a prova di bomba, da qualsiasi angolazione lo si guardi. Anche in vista delle imminenti elezioni presidenziali americane, con i due pretendenti alla Casa Bianca, Joe Biden da un lato e Donald Trump dall’altro, che stanno cavalcando questo trend. Entrambi hanno manifestato la volontà di investire 2 trilioni di dollari in un piano infrastrutturale americano. Insomma, parliamo di cifre importanti, che abbracciano ogni fede politica. Anche in Europa ci si sta muovendo in tal senso, sebbene con risorse “più limitate”: il Green Deal prevede investimenti sostenibili nell’ordine di un trilione di dollari per i prossimi dieci anni. Inoltre, sempre nel Vecchio Continente, si sta spingendo molto sulla tematica dell’idrogeno, con Snam ed Enagas che sono ben posizionate rispettivamente in Italia e Spagna.

 

Avanti con l’equity

Guardano più in generale, il mercato azionario in questo momento appare più interessante rispetto al mercato obbligazionario. Dai minimi di marzo, le Borse hanno rimbalzato con forza, e i listini americani hanno già recuperato i livelli pre Covid. L’S&P 500, che da inizio anno è tornato in territorio positivo, è distante solo qualche punto percentuale dai massimi, mentre il Nasdaq si è spinto oltre, facendo segnare i nuovi record assoluti. Rimane più indietro, invece, l’Europa, che da inizio anno sta ancora perdendo il 10% ed è ancora lontana dai suoi massimi del 15% circa. Un quadro che riflette quanto sta venendo fuori dalla reporting season del secondo trimestre 2020, con l’America che, in termini di risultati, viaggia con un passo più deciso rispetto al Vecchio Continente. Negli Usa, l’80% circa delle società che hanno già comunicato i dati (circa il 25% del totale) sta riportando risultati al di sopra delle attese. Tecnologici, materials e utiliy sono i settori che stanno andando meglio, mentre energy e consumer services sono tra i peggiori. Entrando più nel dettaglio, mediamente le società stanno registrando un calo degli utili del 42% rispetto al secondo trimestre dello scorso anno, contro attese iniziali di un -44% (l’unico comparto che mostra utili in crescita è quello delle utility).

 

Utili verso la ripresa

Da segnalare la fase di lateralità che sta interessando gli utili americani in termini prospettici (le stime per l’S&P 500 a oggi sono per un calo del 20% a fine anno, contro aspettative iniziali di un -21,5%). È importante perché se si vanno ad analizzare le correzioni precedenti, ogni nuovo ciclo rialzista è stato sempre accompagnato da una lateralizzazione delle stime. Se questa figura dovesse concretizzarsi anche questa volta, come sembra, sarebbe un ottimo segnale; vorrebbe dire che la fase di revisione al ribasso delle stime sugli utili si è conclusa. Di conseguenza, il bear market sarebbe ufficialmente terminato e quindi ci troveremmo oggi solo all’inizio di un nuovo ciclo rialzista degli utili.
L’Europa, invece, è decisamente più indietro. Metà delle società quotate hanno già comunicato i dati del secondo trimestre 2020, con il 70% che ha sì riportato risultati superiori alle attese, ma solo di pochissimo. Mentre il resto del mondo sta “disegnando” una figura di bottom, l’Europa è ancora all’interno di un processo di revisione al ribasso degli utili. E questo giustifica il -10% (in media) delle Borse europee da inizio anno.


Messaggio informativo - Le informazioni contenute nel presente messaggio e i dati eventualmente indicati sono prodotti esclusivamente a scopo informativo e pertanto non costituiscono in nessun caso un'offerta o una raccomandazione o una sollecitazione di acquisto o di vendita di titoli o strumenti finanziari in genere, prodotti o servizi finanziari o d’investimento, né un'esortazione ad effettuare transazioni legate ad uno specifico strumento finanziario.
Quanto esposto nel presente messaggio informativo è frutto della libera interpretazione, valutazione e apprezzamento di Pharus Asset Management SA e costituiscono semplici spunti di riflessione. Pertanto le decisioni operative che ne conseguono sono da ritenersi assunte dall'utente in piena autonomia ed a proprio esclusivo rischio. Pharus Asset Management SA dedica la massima attenzione e precisione alle informazioni contenute nel presente messaggio; ciononostante, la stessa non può ritenersi responsabile per errori, omissioni, inesattezze o manipolazioni ad opera di soggetti terzi su quanto materialmente elaborato capaci di inficiare la correttezza delle informazioni fornite e l'attendibilità delle stesse, nonché per eventuali risultati ottenuti usando dette informazioni.
Non è consentito copiare, alterare, distribuire, pubblicare o utilizzare su altri siti per uso commerciale questi contenuti senza autorizzazione specifica di Pharus Asset Management SA.
Torna a tutte le news

News Correlate

23/09/2021

Che impatto avrà l'inflazione sugli utili aziendali?

16/09/2021

Cina: le opportunità dentro alla rivoluzione

13/08/2021

Le Cronache di BoLe | Agosto 2021

16/06/2021

Oltre il Covid, le nuove opportunità del Biotech

10/06/2021

Pharus Sicav Best Regulated Companies distribuisce il terzo dividendo

07/06/2021

Le Cronache di BoLe | Maggio 2021

18/05/2021

Inflazione: temporanea oppure no? Come posizionarsi?

30/04/2021

Le Cronache di BoLe | Aprile 2021

28/04/2021

Pharus Management Lux SA premiata da Global Brands Magazine