L'equity decolla grazie alla reporting season

L'equity decolla grazie alla reporting season

L’attuale reporting season americana conferma che il bottom di utili risulta essere oramai alle spalle. Un dato questo auspicato ed atteso già a fine dicembre, quando l’analisi dell’Outlook 2021 aveva evidenziato utili societari improntati al rialzo e un earnings sentiment positivo, entrambi segnali di chiusura della parentesi di crisi registrata nel 2020.  

Circa i 2/3 delle aziende US hanno infatti già riportato gli utili, e con risultati sensazionali. Numeri che hanno permesso alle attese di crescita dell’S&P 500 di rientrare sui valori pre Covid.

Il Q42020 si sta dunque chiudendo in America con crescite del +1.7%, un valore questo in miglioramento di circa il 10% rispetto alle attese di -9.3% di fine 2020.  Questo risultato particolarmente positivo è stato guidato dalle sorprese aziendali. Quasi l’80% delle società americane ha infatti battuto le stime. I migliori settori del mercato sono stati i più ciclici: Financials e Materials, che hanno mostrato crescite del +17.2% e +16.7% rispettivamente. 

Un particolare interessante di questa reporting season sono le crescite mostrate dalle aziende maggiormente esposte al mercato nazionale, le quali hanno registrato i dati migliori. Ciò ad evidenziare come i lockdown nei diversi Paesi abbiano inciso sulle esportazioni delle aziende.  

Il 2020 si dovrebbe dunque chiudere con un solo -11.4% di decrescita di utili, rispetto al -30% previsto mesi fa:

Per il 2021, invece, le attese sono di un +23.4%, in miglioramento rispetto a fine 2020:

Considerati i numeri sensazionali della reporting season e la coordinata ripresa economica continuiamo a essere positivi sulla ripresa ciclica degli utili e sull’equity in generale, con l’intenzione di puntare su quei titoli che sono rimasti indietro in termini di valutazioni e che ancora devono esprimere le loro potenzialità nel nuovo anno post crisi.


Messaggio informativo - Le informazioni contenute nel presente messaggio e i dati eventualmente indicati sono prodotti esclusivamente a scopo informativo e pertanto non costituiscono in nessun caso un'offerta o una raccomandazione o una sollecitazione di acquisto o di vendita di titoli o strumenti finanziari in genere, prodotti o servizi finanziari o d’investimento, né un'esortazione ad effettuare transazioni legate ad uno specifico strumento finanziario.
Quanto esposto nel presente messaggio informativo è frutto della libera interpretazione, valutazione e apprezzamento di Pharus Asset Management SA e costituiscono semplici spunti di riflessione. Pertanto le decisioni operative che ne conseguono sono da ritenersi assunte dall'utente in piena autonomia ed a proprio esclusivo rischio. Pharus Asset Management SA dedica la massima attenzione e precisione alle informazioni contenute nel presente messaggio; ciononostante, la stessa non può ritenersi responsabile per errori, omissioni, inesattezze o manipolazioni ad opera di soggetti terzi su quanto materialmente elaborato capaci di inficiare la correttezza delle informazioni fornite e l'attendibilità delle stesse, nonché per eventuali risultati ottenuti usando dette informazioni.
Non è consentito copiare, alterare, distribuire, pubblicare o utilizzare su altri siti per uso commerciale questi contenuti senza autorizzazione specifica di Pharus Asset Management SA.
Torna a tutte le news

News Correlate

16/06/2021

Oltre il Covid, le nuove opportunità del Biotech

10/06/2021

Pharus Sicav Best Regulated Companies distribuisce il terzo dividendo

07/06/2021

Le Cronache di BoLe | Maggio 2021

18/05/2021

Inflazione: temporanea oppure no? Come posizionarsi?

30/04/2021

Le Cronache di BoLe | Aprile 2021

28/04/2021

Pharus Management Lux SA premiata da Global Brands Magazine

19/04/2021

Vietato correre dietro gli eccessi

07/04/2021

La salute è una priorità, anche per il portafoglio

31/03/2021

Pharus Sicav Trend Player vince il Premio Alto Rendimento de Il Sole 24 Ore