Pharus Sicav Best Regulated Companies

Classe AD
ISIN: LU1868872042
Categoria: Azionari Altro
16.02.2024
Informazioni Chiave
Net Asset Value 80,75 EUR
Dimensione del Fondo51.770.363 EUR
Data di Lancio 1 apr 2019
Indice di RiferimentoS&P Global Infrastructure Net Total Ret
Informazioni Chiave
Informazioni di gestione
SicavPHARUS SICAV
Management CompanyPHARUS MANAGEMENT LUX SA
Investment ManagerPharus Asset Management SA
Informazioni Chiave
Obiettivo di investimento
Il Comparto investe in aziende specializzate in infrastrutture all'interno dei settori regolamentati come ad esempio la trasmissione e la distribuzione elettrica, il trasporto di acqua e gas, lo stoccaggio gas e la riclassificazione. Sono networks infrastrutturali che offrono servizi di rilevanza strategica e sociale per gli stati, e che per questi motivi operano spesso in regime di monopolio, essendo remunerate da ritorni garantiti in base a criteri definiti ex ante. L'obiettivo del comparto è di far crescere il capitale nel medio-lungo termine investendo in un settore poco collegato al ciclo economico, focalizzandosi su società caratterizzate da una crescita molto stabile degli utili e da elevati flussi di cassa che si traducono in dividend yield solidi e sostenibili nel tempo. Il Comparto inoltre gode del più alto standing creditizio nella scala dei rating ESG disponibili.
Informazioni Chiave

Profilo di rischio e rendimento

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
16.02.2024
Commento del gestore
Commento del gestore
Durante il mese di Gennaio Pharus Best Regulated Companies ha registrato una performance negativa del -3.53%, sottoperformando gli indici azionari globali che chiudono il mese a +1.23%, una tendenza identica all’andamento del 2023 che ha visto il settore delle utilities americane come il peggiore all’interno del mercato. La debolezza dei prezzi non trova giustificazione nei fondamentali aziendali, che registrano, in linea alla storia, utili e dividendi in crescita del 5-6% ed un ritorno sull’equity del settore all`11%, anche questo in perfetta media storica. Anche le stime sulle crescite degli utili, sono state addirittura riviste a rialzo, non a ribasso, sia nell’ultimo mese che negli ultimi dodici mesi. Il settore continua ad essere trattato dagli investitori alla stregua di un bond e sta accusando un violento de-rating valutativo guidato dal forte rialzo dei tassi di interesse, su cui gli investitori attendono maggiore visibilità da parte delle banche centrali circa l’imminente percorso di rientro. È interessante notare come le stesse identiche dinamiche di solidi fondamentali e prezzi depressi a causa del contesto dei tassi, accomunino tutti i settori difensivi.
Che il valore sia presente nel settore utilities lo vediamo ad esempio dal differenziale di multiplo valutativo tra settore e mercato, che si trova oggi ad uno sconto vicino ai massimi degli ultimi 10 anni, con le utilities che sono uno dei pochissimi settori del mercato che trattano ad un multiplo valutativo più basso della sua media a 5 e 10 anni. Sul fronte valutario, continuiamo a mantenere la copertura totale dal rischio di cambio.
Documenti
N.D.

Dati aggiornati al 16.02.2024

*Il rendimento è indicato sulla base del valore patrimoniale netto, con reinvestimento della cedola lorda e non include l'effetto di costi di sottoscrizione o rimborso.
* Senza considerare eventuali coperture e derivati
* Senza considerare eventuali coperture e derivati
Principali dieci posizioni
Xau Utilities Mar24 15.87 %
Nextera Energy Inc 7.82 %
Duke Energy Corp 5.08 %
Southern Co/the 4.36 %
American Electric Power 4.34 %
Terna Spa 4.04 %
Fortis Inc 3.92 %
National Grid Plc 3.72 %
Enel Spa 3.53 %
Alliant Energy Corp 3.09 %
Principali dieci posizioni
Come investire
Articolo SFDR: 8

Articolo SFDR: 8

Il Comparto promuove caratteristiche ambientali/sociali e, pur non avendo come obiettivo un investimento sostenibile, avrà una quota minima dell’80% in investimenti sostenibili con obiettivi ambientali (non allineali alla Tassonomia EU) e con obiettivi sociali.

Obiettivi

L'obiettivo d'investimento sostenibile del Comparto è proteggere le risorse naturali e il clima del pianeta per le generazioni future, investendo in società che generano ricavi limitati provenienti da attività caratterizzate da elevate emissioni di carbonio, stress idrico, impatto sul clima, emissioni tossiche e sprechi, e favorendo società che offrono e sviluppano energie rinnovabili. Inoltre promuove società pacifiche, eque e inclusive, evitando l'esposizione a società coinvolte nella produzione di armi controverse, nella produzione di tabacco, nell'intrattenimento per adulti, nel settore del gioco d'azzardo, nella violazione del Patto Globale delle Nazioni Unite, come da politica ESG interna definita. Gli investimenti del prodotto finanziario saranno inoltre limitati a emittenti con un forte rating di sostenibilità e che seguono pratiche di buona governance.

Le caratteristiche ambientali promosse dal comparto sono legate a:

  • Riduzione dell'impatto ambientale nelle fasi di produzione
  • Attenzione al consumo di risorse naturali
  • Sviluppo e diffusione di tecnologie ecocompatibili.

Le caratteristiche sociali promosse sono principalmente rappresentate da:

  • Sicurezza dei prodotti e della salute
  • Diritti umani e dignità umana
  • Uguaglianza nelle condizioni di lavoro
  • Governance
Le caratteristiche ambientali promosse dal comparto sono legate a:

Le caratteristiche ambientali promosse dal comparto sono legate a:

  • Riduzione dell'impatto ambientale nelle fasi di produzione
  • Attenzione al consumo di risorse naturali
  • Sviluppo e diffusione di tecnologie ecocompatibili.
Le caratteristiche sociali promosse sono principalmente rappresentate da:

Le caratteristiche sociali promosse sono principalmente rappresentate da:

  • Sicurezza dei prodotti e della salute
  • Diritti umani e dignità umana
  • Uguaglianza nelle condizioni di lavoro
  • Governance
Al 22.01.2024
Al
1
Ambiente
2
Sicurezza dei prodotti e salute
3
Diritti umani e dignità umana
4
Uguaglianza nelle condizioni di lavoro
5
Governance

Allocazione Patrimoniale

Tutti gli investimenti sono valutati ex ante da un consulente ESG esterno indipendente e devono essere conformi ai criteri di inclusione e non in contrasto con i criteri di esclusione stabiliti nella politica ESG applicabile. Gli investimenti allineati alle caratteristiche A/S devono soddisfare le caratteristiche sociali e ambientali promosse dal prodotto finanziario e devono rappresentare almeno l’80% del patrimonio del comparto. Gli investimenti sostenibili sono investimenti in titoli il cui rating è considerato accettabile e che rispettano i criteri di esclusione stabiliti nella politica ESG applicabile. Gli altri investimenti comprendono liquidità, derivati, obbligazioni e azioni prive di rating ESG o con un rating ESG debole e possono rappresentare fino al 20% del portafoglio.

Allocazione Patrimoniale

Principali effetti negativi

Questo prodotto finanziario considera i PAI e monitora ulteriori PAI con il supporto di un consulente ESG che produce, su base trimestrale, un report completo che illustra i PAI e i risultati per il portafoglio. Inoltre, il Comparto si concentra sui PAI numero 10 e 11. Il PAI numero 10 monitora/considera il peso delle società con gravi violazioni dei principi UNGC o delle linee guida OCSE per le multinazionali. Il PAI numero 11 si riferisce al peso delle società prive di meccanismi di monitoraggio della conformità ai principi UNGC e alle linee guida OCSE.

Elementi vincolanti

I criteri di esclusione applicati all'universo d'investimento mirano ad escludere società

coinvolte nella produzione di armi controverse i cui ricavi derivanti dalla produzione di armi nucleari, biologiche e chimiche sono superiori al 5%;
i cui ricavi derivanti dalla produzione di tabacco sono superiori al 5%;
i cui ricavi derivanti dal settore dell'intrattenimento per adulti sono superiori al 5%;
i cui ricavi derivanti dal settore del gioco d'azzardo sono superiori al 5%;
che non rispettano i principi del Patto globale delle Nazioni Unite.

I criteri di inclusione sono costituiti per il 60% dal peso del punteggio relativo ai fattori ambientali, mentre il restante 40% riguarda i fattori sociali e di governance, comprese le società:

I cui ricavi derivanti da emissioni tossiche sono inferiori al 5%.
I cui ricavi legati a emissioni di carbonio sono inferiori al 5%.
I cui ricavi derivanti dallo stress idrico sono inferiori al 5%.
Con ricavi derivanti da energie rinnovabili
Che limitano il proprio impatto sul clima
Che considerano il trattamento dei dipendenti
Che considerano la sicurezza dei prodotti
Che considerano l’etica aziendale

Oltre a quanto sopra, un altro elemento vincolante è l'utilizzo dei rating ESG. Il punteggio medio di qualità ESG del portafoglio certificato è pari a A con un rating ESG del portafoglio pari ad 7.68, che non può scendere sotto B.
Rating ESG
Portfolio Scores
22.01.2024
A
ESG Quality Score
7.68